malizia

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.

bandiera italiana Italiano[modifica]

Open book 01.svgSostantivo[modifica]

malizia  (Wikiquote citazioni) f sing (pl: malizie)

  1. tendenza, inclinazione, disposizione, intenzione o volontà di commettere il male, di recare danno, di agire consapevolmente con malizia contro l'onestà, la virtù, il giusto e la giustizia
  2. consapevolezza, conoscenza furbesca e spesso compiaciuta, di ciò che è male, o di vedere il male anche dove non vi sia
  3. astuzia, espediente, sottile accorgimento che mira a raggiungere un determinato fine, un determinato scopo
  4. conoscenza dei segreti della propria arte o come frutto di una lunga pratica ed esperienza
  5. stato di malattia, infezione, o corruzione

Hyph.png Sillabazione[modifica]

ma | lì | zia

Nuvola apps edu languages.png Pronuncia[modifica]

IPA: /ma'litsja/

Nuvola kdict glass.pngEtimologia / Derivazione[modifica]

dal latino malitia, a sua volta derivato da malus cioè "malvagio"

Citazione[modifica]

Collabora a Wikiquote
«L'ingenuità nella donna è più pericolosa della malizia. »


Icona sinonimi.png Sinonimi[modifica]

Fairytale right blue.pngFairytale left blue.png Antonimi/Contrari[modifica]

Books-aj.svg aj ashton 01.png Termini correlati[modifica]

Isimple system icons web find.png Proverbi e modi di dire[modifica]

  • la malizia del demonio: l'astuzia del demonio
  • del d’ogne malizia, ch’odio in cielo acquista, ingiuria è ’l fine, ed ogne fin cotale o con forza o con frode altrui contrista; Dante (La divina commedia, Inferno, Canto XI, 22–24)
  • incontinenza, malizia e la matta bestialitade; Dante (La divina commedia, Inferno, Canto XI, 82–83)
  • è un ragazzo senza malizia: è un ragazzo ingenuo
  • e sur un certo fondo di goffaggine, dipintogli in viso dalla natura, velato poi e ricoperto, a più mani, di politica, balenò un raggio di malizia, che vi faceva un bellissimo vedere; Manzoni (I promessi sposi, Capitolo XVIII)
  • la malizia del mestiere
  • non credo ch'a veder maggior tristizia fosse in Egina il popol tutto infermo, quando fu l'aere sì pien di malizia, che li animali, infino al picciol vermo, cascaron tutti; Dante (La divina commedia, Inferno, Canto XXIX, 58–62)

Nuvola filesystems www.png Traduzione[modifica]

  • Nicola Zingarelli, Lo Zingarelli 1986: vocabolario della lingua italiana, Zanichelli editore, pagina 1090
  • Pittanò. Giuseppe (1988). Sinonimi e contrari. Bologna: Zanichelli. p. 479
  • Treccani, vocabolario edizione online su treccani.it
  • Gabrielli Aldo, Vocabolario della Lingua Italiana, edizione online su hoepli.it
  • Dizionario Italiano, online il dizionario della lingua italiana

Altri progetti[modifica]