abundo

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Latino[modifica]

Verbo

Intransitivo[modifica]

abundo (vai alla coniugazione) prima coniugazione, privo della forma passiva (paradigma: abundō, abundās, abundāvī, abundātum, abundāre)

  1. (di fiumi, acque) straripare
  2. (per estensione) essere ricco, essere colmo, possedere in abbondanza (denaro, virtù...)
  3. (per estensione) abbondare, sovrabbondare, essere abbondante o eccessivo

Sillabazione[modifica]

ă | bŭn | dō

Pronuncia[modifica]

  • (pronuncia classica) IPA: /aˈbun.doː/
  • (pronuncia ecclesiastica) IPA: /aˈbun.do/

Etimologia / Derivazione[modifica]

composto di ab-, dalla preposizione ab, "da, via da", qui nel senso di "fuori", e undō, "tracimare, traboccare", a sua volta da unda, "onda"

Sinonimi[modifica]

Parole derivate[modifica]

discendenti in altre lingue

Termini correlati[modifica]

Proverbi e modi di dire[modifica]