caelum

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.
Jump to navigation Jump to search

SPQRomani.svg Latino[modifica]

Seconda declinazione, neutro
  singolare plurale
nominativo cælŭm cælă
genitivo cælī cælōrŭm
dativo cælō cælīs
accusativo cælŭm cælă
vocativo cælŭm cælă
ablativo cælō cælīs

Open book 01.svgSostantivo

caelum

  1. cielo, volta celeste (spazio superiore, contrapposto alla terra, che comprende l'acqua e la terraferma; sede degli astri, firmamento, alto etere[1])
    • de caelo servare: trad. osservare il cielo (in Cic., per trarre presagi[2])
  2. il mondo superiore (contrapposto a Erebus, Manes, Tartara, sede degli dèi immortali[1])
    • in caelum escendere: trad. salire al cielo (in Cic.)
    • de caelo delabi, descendere (in Cic. De Oratore, e Liv.[1])
  3. aria, atmosfera, tempo (in senso meteorologico); regione climatica[2]
  4. orizzonte, limite dello sguardo (in Cic, e Quint.)
  5. (architettonico) volta (in Vitruvio[2])
  6. (anatomico) volta cranica (in Plinio il Vecchio[2])

Nuvola apps edu languages.svg Pronuncia[modifica]

(pronuncia classica) IPA: /kɐ̯ɛ̯ˈlʊ̃m/

(pronuncia ecclesiastica) IPA: /t͡ʃɛlum/

  1. 1,0 1,1 1,2 Georges-Ferruccio Calonghi, Dizionario latino-italiano, Rosenberg & Sellier, 1989, Mappano (TO)
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 Nuovo Campanini-Carboni, Paravia, Torino, 1993, 1a edizione, terza ristampa, IBN 395 5015 1

.