Vai al contenuto

sussiego

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.

bandiera italiana Italiano[modifica]

Sostantivo


sussiego m (pl.: sussieghi)

  1. atteggiamento e contegno sostenuto e serioso che lascia intravedere, dietro la gravità dei modi, dei gesti e delle parole, una componente di altezzosità e di boria confortata da un sentimento di supposta superiorità (di natali, di ceto, di ingegno, di istruzione e simili)

Sillabazione[modifica]

sus | siè | go

Pronuncia[modifica]

IPA: /susˈsjɛɡo/

Etimologia / Derivazione[modifica]

dallo spagnolo sosiego "calma", derivato di sosegar "calmare, placare, riposare", dallo spagnolo antico sessegar 'sedersi, adagiarsi', latino volgare *sessicāre, probabile derivato di (sub)sidĕre (participio passato sessum) "mettersi a sedere"

Citazione[modifica]

Collabora a Wikiquote
«Il frate portinajo aperse, e accolse il nostro figliuol prodigo con quel maladetto misto di sussiego, di soddisfazione, di clemenza, di commiserazione e di mistero »
(Alessandro Manzoni da Fermo e Lucia, capitolo VII)

Sinonimi[modifica]

Contrari[modifica]

Parole derivate[modifica]

Traduzione