stomaco

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.
Jump to navigation Jump to search

bandiera italiana Italiano[modifica]

Sostantivo

raffigurazione dell'esofago, dello stomaco e dell'intestino
raffigurazione dell'apparato digerente inferiore in cui è possibile individuare lo stomaco

stomaco (Wikipedia approfondimento) m sing (pl.: stomaci, stomachi)

  1. (biologia) (anatomia) (fisiologia) (medicina) organo dell'apparato digerente a forma di sacco e compreso tra l'esofago e l'intestino, che dopo aver ricevuto dal primo i cibi degradati dalla masticazione, li fluidifica con l'acido cloridrico contenuto nei succhi gastrici, per separare le macromolecole nutritive
    • nello stomaco i succhi gastrici, aiutati dalle contrazioni muscolari chiamate peristalsi, riducono il cibo a un composto semi-liquido detto chimo

Sillabazione[modifica]

stò | ma | co

Pronuncia[modifica]

IPA: /stɔmako/

Etimologia / Derivazione[modifica]

dal latino stŏmăchus, che deriva dal greco στόμαχος ossia "gola, stomaco"

Citazione[modifica]

Collabora a Wikiquote
«Il cervello è come lo stomaco: quello che conta non è quanto ci metti dentro, ma quanto riesce a digerire.„ »
Collabora a Wikiquote
«Guardo al futuro, a un tempo in cui l'uomo progredirà verso qualcosa di più degno e più alto del suo stomaco, quando ci sarà una motivazione più sottile che spinga gli uomini all'azione che quella di oggi, lo stomaco. Mantengo la mia convinzione della nobiltà e dell'eccellenza del genere umano. Credo che la dolcezza spirituale e l'altruismo avranno la meglio sulla grossolanità della gola.„ »

Sinonimi[modifica]

Contrari[modifica]

Parole derivate[modifica]

Termini correlati[modifica]

Proverbi e modi di dire[modifica]

  • avere uno stomaco di ferro: : avere uno stomaco che digerisce tutto

Traduzione

Altri progetti[modifica]