Vai al contenuto

balcà

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.

Lombardo[modifica]

Verbo

Intransitivo[modifica]

balcà

  1. perder di vigore, di forza; cessare; scemare, estenuarsi
    • (bergamasco) Ol dé 'l balcàa e i bò i turnàa 'n de stala: "Il giorno si estenuava e i buoi ritornavano nella stalla"[1]
    • balcà l'aqua / balcà de piöf / balcà 'l tempuràl: spiovere
    • balcà l'ari (milanese): calmarsi il vento
    • balcà la févra (bergamasco) / la féer (bresciano): abbassarsi la febbre
    • balcà la boria: sbaldanzire

Sillabazione[modifica]

bal | cà

Pronuncia[modifica]

IPA: /balˈka/

Etimologia / Derivazione[modifica]

Etimologia mancante. Se vuoi, aggiungila tu.

Proverbi e modi di dire[modifica]

  • (bergamasco) No balcà ö momènt: sorvegliare, badare con cura alla corretta esecuzione di qualcosa; invigilare
  • (bergamasco) A chi prèst la salta, prèst la balca: "Chi tosto s'adira, tosto si placa"[2]
  1. Giuseppe Cavagnari, Giopì a l'infèren. Trascrizione e traduzione di Umberto Zanetti, Bergamo, Lubrina Editore, 2018, p.27
  2. Antonio Tiraboschi, Raccolta di proverbi bergamaschi, Bergamo, Tipografia Fratelli Bolis, 1875, p.91