leo

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.
Jump to navigation Jump to search

SPQRomani.svg Latino[modifica]

Lĕo|Leōnis|Leōni|Leōnem|Lĕo|Leōne (IIIa decl.[1] irregolare)

leo Leones al plur.

  1. (religione) it. sacerdoti (sacerdoti/esse[1]) del dio persiano[2] Mitra (in Tertulliano[2][1]))

Open book 01.svgSostantivo

  1. (zoologia) leone (in Cicerone e altri[2])
  2. (zoologia) leone: leoni obici
  3. (zoologia) specie di granchio[1], sorta di gambero di mare[1]) (in Plinio[2][1]))
  4. (zoologia) pelle di leone: per meton. (in Valerio Flacco[1])
  5. (biologia) bocca di leone (forse[1]):pianta (in Columella[1][2], Plauto[2])
  6. (poesia) pelle di leone (in Marziale [2], Valerio Flacco[1])

Nuvola kdict glass.svgEtimologia / Derivazione[modifica]

[comune origine col, Ndr] greco antico λέων[2] [1].

bandiera multilinguistica spagnola Spagnolo[modifica]

Open book 01.svgVoce verbale

leo

  1. leggo
    • yo leo

Nuvola kdict glass.svgEtimologia / Derivazione[modifica]

1ª persona singolare del presente semplice indicativo di leer

  1. 1,00 1,01 1,02 1,03 1,04 1,05 1,06 1,07 1,08 1,09 1,10 Calonghi, Dizionario latino-italiano, Rosenberg & Sellier, Mappano (TO), 1989, 3a ed.ne
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 2,5 2,6 2,7 Campanini, Carboni, Nuovo Campanini Carboni, Paravia, Torino, 1993, prima ed.ne, ISBN 88-395-5015-1