forfecchia

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.
Jump to navigation Jump to search

bandiera italiana Italiano[modifica]

una forfecchia: Forficula auricularia

Open book 01.svgSostantivo

forfecchia (Wikipedia approfondimento) f sing (pl.: forfecchie)

  1. (zoologia), (entomologia) insetto

Hyph.png Sillabazione[modifica]

for | féc | chia

Nuvola apps edu languages.svg Pronuncia[modifica]

IPA: /forˈfekkja/

Nuvola kdict glass.svgEtimologia / Derivazione[modifica]

dal latino forfĭcŭla, diminutivo di fŏrfex cioè "forbici"

Citazione[modifica]

Collabora a Wikiquote
«Quasi tutti abbiamo paura delle forfecchie [...] il cui addome termina in una pinza dall'aspetto minaccioso. Stanno nascoste sotto la corteccia degli alberi, o si annidano a volte nei panni riscaldati dal sole, nelle pieghe degli ombrelli o delle sedie a sdraio. Non fanno male a nessuno: la pinza non è velenosa, anzi, non pinza affatto (è un organo che facilita l'accoppiamento); e non è vero, ma viene tenacemente insegnato da generazione a generazione, che «se uno non sta attento, gli si infilano nelle orecchie». Questa nozione è talmente radicata nella nostra memoria collettiva che è stata recepita nella denominazione binaria della bestiolina, che infatti si chiama ufficialmente Forficula auricularia; ma inglesi e tedeschi non hanno aspettato il battesimo scientifico, e da secoli la chiamano rispettivamente earwig e Ohrwurm, l'insetto o il verme dell'orecchio. Oltre alla pinza, la forfecchia ha un'altra proprietà che ci incute uno strano timore: come tutti gli animali notturni, se viene esposta alla luce passa bruscamente dall'immobilità alla fuga, ed il suo trasalire si ripercuote in un nostro trasalire »

Icona sinonimi.png Sinonimi[modifica]

Nuvola apps iper.svg Iperonimi[modifica]

Gnome-globe.svg Traduzione

Vedi le traduzioni

Altri progetti[modifica]