acassibé

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.
Jump to navigation Jump to search

Flag of Lombardy.svg Lombardo[modifica]

Open book 01.svgCongiunzione

acassibé

  1. anche se, sebbene
    • (bergamasco) E acassibé che sées de l'arco priv / in quel pòst che ederó piö delicàt / la friza alura lanseró coi mà[1]: "E sebbene io sia privato del mio arco / là dove riterrò si trovi il punto più delicato / allora scaglierò la freccia colle mani"
    • (bergamasco) Mai piö ché poss parlan in d'ö sonèt, / ma per me cönt conferme che l'è degn / d'èss istödiàt, acassibé che s'vèd / i gran dificoltà del tò disègn[2]: "Non posso certo parlarne in un sonetto / ma sono convinto che varrebbe la pena / di studiare il problema, viste e considerate / le gran difficoltà del tuo progetto"

Hyph.png Sillabazione[modifica]

a | ca | si | bé

Nuvola apps edu languages.svg Pronuncia[modifica]

  • IPA: [akasi'be]
  • IPA: [akahi'be]

Nuvola kdict glass.svgEtimologia / Derivazione[modifica]

Da aca, "anche" e sibé / sebé, "sebbene".

Icona sinonimi.png Sinonimi[modifica]

Gnome-go-down.svgGnome-go-up.svg Varianti[modifica]

  1. Prologo ed Atto Primo dell'Aminta di Torquato Tasso nella versione in dialetto bergamasco di Giuseppe Cavagnari, a cura di Vittorio Mora; Prologo, vv. 81-83. Bergamo, Tipografia editrice Gerardo Secomandi, 1973
  2. Peppino Terzi 'Pitzen', Ortografia dialetal, vv.5-8