venia

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.
Jump to navigation Jump to search

bandiera italiana Italiano[modifica]

Open book 01.svgSostantivo

venia f (pl.: venie)

  1. (letterario) perdono, remissione di colpe di lieve entità, oggi usato perlopiù in un tono scherzoso che bene contrasta con una certa solennità del vetusto vocabolo

Hyph.png Sillabazione[modifica]

vè | nia

Nuvola apps edu languages.svg Pronuncia[modifica]

IPA: /ˈvɛnja/

Nuvola kdict glass.svgEtimologia / Derivazione[modifica]

dal latino vĕnĭa, cioè "favore, grazia" (degli dei)

Citazione[modifica]

Collabora a Wikiquote
«Usategli venia, e siategli grati dell'intenzione. Pensate che egli dorme alcune braccia sotterra, e che non raggiunse il ventinovesimo anno»
(nota ai lettori firmata S. F. e datata Luglio 1869 che introduce alla lettura de Racconti Umoristici di Iginio Ugo Tarchetti, E. Treves e C. Editori)

Icona sinonimi.png Sinonimi[modifica]

Fairytale right blue.pngFairytale left blue.png Contrari[modifica]

Nuvola apps tree.svg Parole derivate[modifica]

Isimple system icons web find.png Proverbi e modi di dire[modifica]

  1. chiedere venia: chiedere scusa

Gnome-globe.svg Traduzione

Vedi le traduzioni

SPQRomani.svg Latino[modifica]

Open book 01.svgSostantivo

venia

  1. grazia, favore, benevolenza
  2. permesso, facoltà, licenza
  3. comprensione, remissione, indulgenza, condiscendenza
  4. venia, perdono, scusa, attenuante, giustificazione
  5. tregua, sollievo